telephone   0935 657137   -   email   farmaciascollo@gmail.com

LA NOSTRA PELLE AL SOLE

Come è ben noto il SOLE è un elemento indispensabile alla vita ed è un prezioso alleato della salute. Nel periodo estivo, infatti, migliorano molte patologie dermatologiche (es. acne, psoriasi, dermatite atopica), grazie all'azione sebo- ed immunoregolatrice dei raggi ultravioletti. Un'esposizione graduale alla luce solare stimola la produzione di cortisolo (azione antinfiammatoria), di serotonina e dopamina (azione antistress); il sole, infatti, ha un impatto benefico sull'umore e può rappresentare, anche, un eccellente rimedio per determinate forme di depressione stagionale. Stimola la sintesi di vitamina D, che è essenziale per l'assorbimento del calcio nelle ossa.

 

Tuttavia, un'errata esposizione al sole può divenire, nel tempo, la causa di alcune patologie denominate "FOTODERMATOSI" che vanno dal semplice eritema solare fino a reazioni via via più importanti come l'orticaria solare e le reazioni fototossiche e fotoallergiche. Un uso irragionevole del sole "invecchia" la pelle ed aumenta l'incidenza di alcuni tumori cutanei (basalioma, spinalioma, melanoma).

sole e pelle 2

Tra le patologie che, invece, peggiorano al sole ricordiamo la couperose (aumento dei capillari visibili al viso), l'herpes ed il cloasma (macchie brume di melanina).

E' importante sapere e ricordare che l'abbronzatura è uno specifico meccanismo di difesa messo in atto per proteggerci dagli effetti nocivi dei raggi UV. La MELANINA assorbe e neutralizza i radicali liberi prodotti in seguito ad un' intensa esposizione. Una produzione efficace di melanina si verifica, però, dopo circa 24-48 ore e pertanto bisogna stare attenti soprattutto alle prime esposizioni, quando la pelle non è ancora sufficientemente preparata a ricevere tanto sole. Ci sono individui che si scottano spesso e si abbronzano poco (1) e individui che si abbronzano in brevissimo tempo (2). I primi producono un tipo di melanina "chiara" poco efficace vcontro le scottature  e quindi si scottano facilmente. I secondi, invece, producono una melanina "bruna" molto piu efficace per prevenire le scottature ma che può "macchiare" il viso in quei soggetti che sono in terapia ormonale o dopo un trattamento di bellezza (es. ceretta, peeling, laser...). 

 LA PELLE

 La pelle è considerata un vero e proprio organo. Il suo spessore varia non solo in rapporto all'età e al sesso, ma anche in relazione alla zona del corpo, variando dai 0,4 mm delle palpebre ai 3 mm delle piante dei piedi. Anche il colore è variabile e dipende dalle caratteristiche di razza. La cute svolge diverse funzioni:

1) Quella più importante, è la protezione del nostro organismo da ogni tipo di agente esterno, come microrganismi, sostanze chimiche, oggetti o corpi estranei.

2) Funzione sensoriale, ovvero la capacità di percepire il caldo e il freddo.

3) Secrezione del sudore.

4) Produzione di cheratina e pigmenti come la melanina che ci protegge dai raggi UV.

5) Regola la temperatura corporea attraverso l'irradiazione e la conduzione di calore.

6) Permeabilità che garantisce il bilancio idroelettrico.

7) Funzione immunitaria.

funzioni pelle

 

STRUTTURA DELLA PELLE

 

pelle struttura

La pelle è costituita da due componenti principali: una superficiale, detta EPIDERMIDE ed una più profonda che si chiama DERMA. A separare queste due componenti vi è una sottile struttura detta membrana basale o giunzione dermo-epidermica che ha un aspetto ondulato in quanto il derma si incastra all'epidermide come una sorta di puzzle per garantire una migliore coesione tra le due strutture.  Nell'epidermide sono presenti diversi tipi di cellule: i cheratinociti, i melanociti, le cellule di Langerhans, le cellule di Merkel e rari linfociti T.  Il derma è composto soprattutto da fibre, cellule e sostanze fondamentali come ioni, proteine, glucosio, acqua e mucopolisaccaridi acidi quali: acido condrotin-solforico che regola il flusso elettrolitico attraverso la membrana basale; e l'acido ialuronico deputato all'idratazione dermica.

In particolare i cheratinociti e i melanociti sono le cellule della cute da cui possono derivare i tumori cutanei più frequenti.  

 

La MELANINA  e l'ABBRONZATURA

L'abbronzatura è la conseguenza della reazione della pelle all'esposizione solare ed è innescata dai melanociti presenti (vedi sopra) nell'epidermide, nel derma e a livello del follicolo pilifero. Il loro compito è quella di sintetizzare la melanina, pigmento a cui si deve, in parte, il colore della cute. La melanina svolge un importante funzione protettiva perchè ha la capacità di assorbire i raggi UV del sole limitando i danni che essi indurrebbero al DNA delle cellule cutanee.
La melanina è sintetizzata e contenuta nei melanosomi, organuli citoplasmatici dei melanociti: quando ci esponiamo al sole, per proteggerci dai raggi UV i melanosomi producono questo pigmento tramite un processo detto melanogenesi. I melanosomi maturi migrano all’interno dei cheratinociti determinando la colorazione della pelle: il risultato è appunto l’abbronzatura.
La melanina si dispone intorno al nucleo cellulare dei cheratinociti, svolgendo la propria attività protettiva nei confronti degli UV. In seguito la melanina viene in parte degradata e in parte eliminata con la desquamazione dello strato corneo. Così l’abbronzatura scompare.
Il colore costitutivo delle pelle dipende non solo dal numero dei melanociti, che è simile in tutti, ma da numero, dimensioni, forma dei melanosomi e dalla loro distribuzione nei cheratinociti. Nella popolazione bianca per esempio i melanosomi sono meno numerosi e più piccoli rispetto alla popolazione di colore.

sole e pelle

 

IL FOTOTIPO

Ogni persona reagisce in modo diverso alle radiazioni ultraviolette. Il fototipo ci permette di avere una corretta esposizione al sole in base alle nostre caratteristiche e alla risposta che abbiamo ai raggi solari.

Il fototipo di una persona è una classificazione utilizzata in dermatologia, basata sulla qualità e sulla quantità di melanina presente in condizioni basali nella pelle. Esso indica le reazioni della pelle all’esposizione alla radiazione ultravioletta ed il tipo di abbronzatura che è possibile ottenere tramite essa. Conoscere il proprio fototipo è il punto di partenza fondamentale per proteggere e preservare la salute della propria pelle e per comportarsi nella maniera corretta durante l’esposizione alla radiazione ultravioletta della luce solare. Esporsi al sole in modo adeguato è di fondamentale importanza per la salute della pelle. 

I soggetti a fototipo chiaro sono generalmente di etnia caucasica di tipo nord europeo, i soggetti a fototipo scuro sono di etnia caucasica di tipo mediterraneo, i soggetti molto scuri sono rappresentati dalla etnia asiatica per il fototipo 5 e dalla popolazione nera per il fototipo 6.

fototipi

 Come scegliere la protezione solare?

Per scegliere correttamente la crema solare ideale per il proprio tipo di pelle bisogna innanzitutto conoscere il proprio fototipo. Ad ogni fototipo corrisponde il giusto fattore solare che è quel numero che trovate indicato su ogni prodotto solare (es. 10, 15, 20, 50).

Tutti i prodotti solari indicano sulla confezione un numero SPF che rappresenta il fattore di protezione solare e definisce la capacità di difendere la pelle dall’insulto attinico, in particolare da radiazioni UVB. Questo numero è definito comunemente SPF, che corrisponde all’inglese Solar Protection Factor.

Ecco quali sono i diversi fattori di protezione solare:

  • FATTORE 50+ protezione molto alta;
  • FATTORE da 50 a 30 protezione alta;
  • FATTORE da 25 a 15 protezione media;
  • FATTORE da 10 a 6 protezione bassa.

E’ importante scegliere creme solari con filtri di protezione sia per i raggi UVA che UVB. In passato si pensava che i raggi UVA fossero innocui invece oggi si sa che sono proprio i raggi UVA i più pericolosi perché responsabili dell’invecchiamento cutaneo e di danni cellulari che predispongono ai tumori della pelle. I raggi UVB si fermano al livello dell’epidermide e possono provocare danni immediati (come scottature ed eritemi solari) mentre i raggi UVA raggiungono anche il derma, lo strato cutaneo che si trova sotto all’epidermide.

Da oggi nella nostra farmacia è possibile effettuare il test per individuare il fototipo e scegliere così la giusta protezione solare per la vostra pelle.

 

CONSIGLI UTILI PER PREVENIRE I DANNI ALLA PELLE

In generale è consigliabile iniziare ad utilizzare una protezione solare più alta quando ci si espone per la prima volta al sole, anche se si ha una pelle olivastra, per ridurre al minimo i danni da raggi UVA, meno visibili di quelli UVB, ma capaci di agire in profondità sulla pelle.

Altri fattori da tenere in considerazione sono:

  • l’ora del giorno: dalle 12.00 alle 3.00 è sconsigliato prendere il sole, soprattutto se si ha una pelle chiara e sensibile (per i bambini è meglio evitare l’esposizione solare dalle 11.00 del mattino alle 16.00 del pomeriggio);
  • il luogo e l’altitudine: ai tropici e in alta montagna è necessaria una protezione maggiore, perché la quantità di radiazioni UV è collegata all’angolo di elevazione del sole (cioè più il sole è alto sull’orizzonte e perpendicolare rispetto alla terra, più forti sono i raggi solari);
  • radiazione riflessa: acqua, sabbia, ghiaccio e neve hanno la capacità di riflettere la radiazione, come uno specchio, quindi moltiplicano l’effetto dei raggi solari sulla pelle la quale viene colpita sia dalla radiazione diretta del sole sia da quella riflessa.


    Infine, fate attenzione a non utilizzare solari scaduti che non sarebbero efficaci. I solari scadono ogni anno? Bisogna sempre fare riferimento al PAO (Period after opening) indicato sulla confezione dal simbolo di un vasetto di crema aperta che indica i mesi entro i quali consumare il cosmetico a seguito dell’apertura della confezione.

i nostri servizi

 

Omeopatia;

Laboratorio galenico

per la preparazione di farmaci personalizzati;

Autoanalisi del sangue

glicemia, colesterolo totale e frazionato, trigliceridi, emoglobina glicata, ecc.;

Misurazione della pressione arteriosa;

Noleggio di:

apparecchi aerosol,

tiralatte elettrico,

stampelle;

Reparto erboristerico

Aboca, Erbamea, Esi, L'erbolario, ecc.;

Controllo gratuito dell'udito;

Foratura dei lobi auricolari;

 

Ricerca delle intolleranze alimentari

su sangue capillare, con piano alimentare per il recupero della tolleranza

prof. A. Speciani;

Dieta personalizzata

con misurazione del grasso corporeo, elaborata da medici dietologi e dietisti;

Defibrillatore semiautomatico

(in collaborazione con il Comune di Troina e la Fondazione "Danilo Bonarrigo");

Reparto celiachia

cibi secchi e surgelati;

Alimenti biologici;

Reparto cosmetico

linea cosmetica personalizzata per viso e corpo, tutto per la cura di capelli, denti e piedi;

 

Telemedicina:

Monitoraggio pressorio nelle 24 ore

(monitoraggio della pressione arteriosa nelle 24 ore);

ECG

(elettrocardiogramma);

Holter cardiaco 24/48 ore.

 

© 2017 Farmacia dott. Scollo. All Rights Reserved. Powered by  Skerma bianco